venerdì 6 luglio 2012

LA CAREZZA




thomas ehretsmann 

La musica che hai lasciato qui 
come vento a pelo d'acqua si diffonde 
increspando la mia pelle 
e il desiderio di te non s'assopisce, 
non conosce sonno solo un'illusione 
di concerto nell'aria 
che acre riempe la stanza d'attesa e fumo.
Micol

... my angel



5 commenti:

  1. Non si può assopire il desiderio se non quando viene soddisfatto. Il contrario lo acuisce.
    Ciao, Micol.

    RispondiElimina
  2. oh si!!! Marilicia, da qualche parte lessi che gli amori indivisibili ed eterni sono quelli mai vissuti!
    Mah!
    Che strana legge contraria ad ogni logica è quella che unisce (o separa) i destini degli uomini.
    Un abbraccio e grazie!

    RispondiElimina
  3. Io sono una fervente assertrice di questa teoria Micol, e cioè che un amore per durare per sempre non deve essere materializzatro, ma vissuto a livello di sogno.
    Buon mercoledì.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Però è un tantino frustrante non credi? Anche se la bellezza del sentimento e della Luce che tutta l'esperienza emana sono l'apoteosi spirituale. Ma un tocco, una parola, uno sguardo renderebbero di sicuro più struggente il minuto successivo quando il silenzio ripiomba, ma almeno potrei finalmente dire: l'ho vissuto, solo un attimo, ma l'ho respirato.

    Grazie cara Marilicia, grazie con un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, è vero quello che dici, ma un tocco, una parola, uno sguardo, se assaporato, non basta più..e non possiamo parlare di apoteosi spirituale.
    Ciao, ti abbraccio.

    RispondiElimina